spandati


Dove volano le aquile
8 agosto 2009, 15:14
Filed under: 1

Ieri e oggi tapponi di trasferimento per avvicinarci alla frontiera Russa in mezzo al nulla Kazako.

Abbiamo percorso 1200km in due giorni attraversando zone disabitate ma incontrando paesaggi nuovi che ci hanno emozionato ancora una volta. Ieri mattina ci siamo ritrovati ad Almaty con i MongolPassengers, che ora sono in quattro per l’arrivo in aereo del papà di Jacopo, Marzio, che lavora come cardiochirurgo in Sudan per Emergency a Khartoum. Appena lasciata la grande città Kazaka lo spettacolo è notevole; dirigendoci verso nordest si passa infatti a fianco del lago Kapshagay con sullo sfondo le vette innevate fino ad arrivare a poche decine di km dalla Cina. Quindi si devia verso nord e ci troviamo immersi nella steppa vera e propria per centinaia di km.

la steppa infinita...

la steppa infinita...

Stanchi, decidiamo di accamparci con le tende perché non esistono alternative e perchè troviamo un posto molto bello, circa un centinaio di km dalla cittadina di Usharal: una collina con una conca che ci permette di nascondere tende e auto da occhi indiscreti. Prepariamo la cena con i fornellini: una busta di riso ai piselli insieme a una di riso ai carciofi, con i formaggini tigre sciolti dentro e il pane avanzato da pranzo; praticamente il pastone dei cani, che però ci sembra la cosa più buona del mondo in quel momento ma, soprattutto, ci sfama a dovere. Quindi pesche sciroppate e caffè giusto per rifarci la bocca!

l'accampamento sul panettone nel bel mezzo del nulla

l'accampamento sul panettone nel bel mezzo del nulla

Alle 21.30 è buio pesto e siam pronti ad entrare in tenda. Prima però diamo uno sguardo intorno dalla vetta della collina. Scopriamo di essere sull’unico rilievo nel mezzo di una pianura infinita. Stimiamo di riuscire a vedere i fari che percorrono la nostra stessa (nonchè unica) strada per un raggio di circa 15km. Inoltre c’è una luna piena favolosa e una stellata mozzafiato. Fa anche fresco ma non troppo. Dormiamo bene.

muna si avventura a fare il fotografo

Muna si avventura a fare il fotografo

La mattina dopo sveglia all’alba con le aquile che sorvolano le nostre tende a bassa quota: meraviglioso! Durante tutta la giornata ne incontreremo ancora alcune in diversi momenti. Giusto il tempo di farci un caffè e caricare le auto e via verso nord. Il paesaggio è sempre quello: la steppa! Ogni tanto qualche collina. Pochi laghetti. Per pranzo compriamo l’unica cosa che troviamo in una specie di bar lungo la strada: delle focacce fritte ripiene di carne e cipolla che ci mettono addosso una pesantezza non indifferente. A 200km da Semey la strada diventa vergognosamente brutta e la velocità media è sotto i 50km/h a causa di voragini che costringono a guidare certe volte fuori strada, appena oltre il ciglio. Oltrepassiamo Semey per cercare dove mettere la tenda in un posto tranquillo ma non troviamo nulla e torniamo indietro. Volevamo evitare la città perchè la nostra guida dice che il territorio è stato teatro dal ’49 all’89 di circa 460 test nucleari! Ma decidiamo che è meglio trovare un albergo a Semey piuttosto che improvvisare. Oltretutto qua il telefono prende molto bene e possiamo aggiornare il blog…saranno le radiazioni!!!

Domani si passa in Russia, speriamo! Ormai siamo a un centinaio di km dal confine…

Annunci

3 commenti so far
Lascia un commento

un saluto da marina di pietrasanta: i paesaggi non sono come i vostri e al posto delle aquile ci sono solo gabbiani e piccioni… a presto! F&M.

Commento di Fede e Marco

è entusiasmante leggere il diario del vostro viaggio,sembra quasi di esserci.comlimenti sinceri per lo spirito di avventura.tenede duro che ormai quasi ci siete.un saluto a tutti ed ad Albi in particolare- papà di Cinzia

Commento di piero

grazie per le notizie, che puntualmente diffondo a tutti: le stampo per la nonna Marisa (che poi le legge “ad alta voce” al nonno, alla zia Bianca e alle sue sorelle), messaggino a Bruna e Giorgio (dispersi tra Olanda e Germania), a Fede e Marco (a Marina di Pietrasanta), ecc.
Tutti vi seguono con l’atlante a portata di mano e con tanta partecipazione.
Coraggio, ma meta è sempre più vicina….

Commento di ia




Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: